Monthly Archives: luglio 2017

FLAICA CUB CASERTA – SOCIETÀ DHI S.P.A.: CHIESTO INCONTRO ALLA I.T.L. DI CASERTA PER VIOLAZIONE DELLA Certificazione Etica di Responsabilità Sociale (SA 8000)

Locandina2-e1450539008149

COMUNICATO STAMPA DHI S.P.A.

TANTE, TROPPE LE SEGNALAZIONI RICEVUTE DAI LAVORATORI CHE CI HANNO INDOTTO A FORMULARE IN DATA ODIERNA UNA RICHIESTA DI INCONTRO ALL’ISPETTORATO TERRITORIALE DEL LAVORO DI CASERTA PER VIOLAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE ETICA DI RESPONSABILITÀ SOCIALE (SA 8000)

La SA 8000 E’ uno standard internazionale che elenca i requisiti per un comportamento eticamente corretto delle imprese verso i lavoratori.

La norma SA 8000 testimonia un approccio etico e responsabile dell’azienda alle problematiche sociali del lavoro.
I suoi ambiti specifici di intervento sono il lavoro minorile, i lavori forzati, la salute e sicurezza dei lavoratori, la libertà di associazione, la non discriminazione, le misure disciplinari, l’orario di lavoro, le retribuzioni, nonché il sistema di gestione a supporto della conformità allo standard stesso.
Requisiti che riteniamo ignorati dalla DHI S.P.A. per cui prima di presentare un’apposito reclamo all’Ente Certificatore abbiamo ritenuto opportuno inviare preventivamente una richiesta di incontro all’Ispettorato del Lavoro di Caserta.
ldb-flashforward-sancassiani-slide-sa8000-fl-5-638abbigliamento-certificato-sa8000

 

FLAICA CUB CASERTA – LUSCIANO: COMPORTAMENTO ANTISINDACALE DHI S.P.A. “PRONTI A RECARCI DAL SINDACO”

AMALFI 7 (2)

COMUNICATO STAMPA LUSCIANO

ANCHE A LUSCIANO ATTI DISCRIMINATORI E COMPORTAMENTI ANTISINDACALI PRATICATI

DALL’AZIENDA “RENZIANA” DHI S.P.A.

Nella mattinata odierna è stata recapitata al Comune di Lusciano una nota nella quale informiamo che giovedì 27 p.v. ci recheremo presso la casa comunale per incontrare il Sindaco Dott. N. Esposito e sottoporre allo stesso le problematiche che potrebbero generarsi in futuro a causa di una singolare attività antisindacale praticata dalla DHI S.P.A. la quale ostacola l’esercizio della funzione sindacale ignorando le richieste formulate dalla F.L.A.I.C.A. C.U.B.

L’ultimo atto delittuoso realizzato dalla DHI S.P.A., la quale è ormai assuefatta alle reiterate  inosservanze alla L.300/70 –  STATUTO DEI LAVORTORI – , si è consumato nei giorni scorsi, quando  i dipendenti hanno rappresentato, attraverso la F.L.A.I.C.A. C.U.B., l’esigenza di una specifica autorizzazione dall’azienda riferita all’orario di inizio delle attività di raccolta, ma invece di ricevere una convocazione per un incontro per discutere democraticamente la richiesta, la DHI S.P.A. ha fatto affiggere una semplice comunicazione nella quale si autorizzava, per il giorno seguente, una parte di lavoratori ad iniziare il servizio dalle ore 05:00.

La disposizione, che presentava diverse irregolarità e una serie di contraddizioni, è stata contestata duramente dai lavoratori associati alla la F.L.A.I.C.A. C.U.B., che hanno poi deciso di rispettare l’orario di lavoro così come rappresentato nel contratto di assunzione, mentre gli altri operatori hanno accettato di iniziare il servizio alle ore 05:00.

Inverosimile!!

L’azienda pur di non convocare la F.L.A.I.C.A. C.U.B., sindacato di maggioranza, ha acconsentito questa singolare modalità di avvio del servizio.

Siamo purtroppo convinti, che il comportamento ANTISINDACALE della DHI S.P.A., che tenta di mettere i Lavoratori gli uni contro gli altri, tenda solo a generare conflitto e malessere avvelenando il clima generale e creando fratture nel cantiere r.s.u. di Lusciano, cosa dovrebbero fare i Lavoratori, rinunciare ai loro diritti? Oppure cambiare sindacato?

La F.L.A.I.C.A. C.U.B. si oppone e si opporrà a tutti i tentativi dell’azienda di mettere i Lavoratori gli uni contro gli altri, per questo motivo è stato richiesto un intervento urgente al Sindaco perché, come sempre abbiamo fatto, ci affidiamo alle Istituzioni.

  

 

F.L.A.I.C.A. UNITI C.U.B. CASERTA

FLAICA CUB CASERTA: ANCORA UNA DENUCIA CONTRO L’AZIENDA DHI “OPERATORI ECOLOGICI DEL CANTIERE R.S.U. DEL COMUNE DI CESA SENZA 14° E NON SOLO”

IMG_20170520_181228_564

COMUNICATO STAMPA CESA

GLI ATTEGIAMENTI ANTISINDACALI PRATICATI DALLA DHI NON CI SCORAGGIANO!

Nella mattinata odierna è stato richiesto l’avvio della procedura di raffreddamento e proclamato lo stato di agitazione di tutte le maestranze del cantiere dei Servizi Ambientali del Comune di Cesa a causa del mancato pagamento della quattordicesima mensilità ma anche per segnalare la reiterata violazione delle normative sulla salute e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Non possiamo più tollerare che gli operatori ecologici di Cesa debbano recarsi a Teverola per timbrare la presenza, oltretutto in uno spiazzale improvvisato a luogo di lavoro, privo di servizi igienici, spogliatoi, ecc…

La DHI S.P.A. si “diverte” a giocare con la corrispondenza sindacale, prendendo tempo, raggirandone i contenuti e beffeggiando le legittime rivendicazioni poste dalla FLAICA CUB Caserta.

Ci siamo stancati di scrivere fiumi di lettere. Il personale si sente preso in giro. Ora abbiamo fatto appello al Prefetto Dott. Raffaele Ruberto affinché prenda una posizione netta e di responsabilità.

Noi non stiamo chiedendo la LUNA. Pretendiamo solo che tutti rispettino le norme e le regole.

Chi è autorizzato a gestire un servizio di pubblica utilità come azienda deve farlo rispettando tutti gli interlocutori, anche se ritenuti scomodi, probabilmente.

Sono mesi che contestiamo trattamenti differenziati del personale, privilegi ingiustificati, privazioni del diritto alla rappresentanza sindacale, scarsa trasparenza sui provvedimenti di assegnazione degli incarichi, inadeguatezze strutturali in materia di Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro ecc.ecc..

E la Società DHI che fa?? Si chiude nelle stanze solo con alcune Organizzazioni Sindacali, non capisce le note sindacali o, ancor peggio, ne elude i contenuti.

Ora basta siamo stufi di questa gestione. E siamo stufi di trovare illogicità e arbitrarietà nelle procedure adottate dalla DHI.

L’Amministratore Unico saprà che ai sensi della D.lgs.81/08 è “Datore di Lavoro” ed è responsabile della Salute e Sicurezza dei lavoratori? Anche su questo abbiamo forti dubbi”.

“Non è mai successo che un’azienda si sia negato al confronto con la FLAICA CUB. Certo è che se non vuole parlare con NOI, qualche motivo ci sarà. Dovrà nascondere qualcosa? Teme che qualcuno possa fare notare le evidenze?? Bisognerebbe chiederglielo… Insomma, se oggi abbiamo lanciato un allarme sulla sua condotta è solo perché la DHI non vuole aprirsi alla trasparenza e al dialogo.

D’altronde cosa possiamo aspettarci da un’azienda che non rispetta nemmeno gli obblighi contrattuali previsti dagli affidamenti conferiti dalle Amministrazioni Comunali? “Dipendenti che vengono spostati da un cantiere all’altro producendo esuberi ed assunzioni sospette”

È evidente che quando i nostri interlocutori non ci ascoltano o fanno finta di niente, siamo costretti ad interessare le Istituzioni preposte. Noi siamo per il diritto, per le regole. Ci aspettiamo che anche l’azienda ci confermi che la pensa come NOI

“L’auspicio è quello che il Prefetto di Caserta convochi quanto prima un tavolo per esaminare e risolvere le questioni”

 

F.L.A.I.C.A. UNITI C.U.B. CASERTA

FLAICA CUB CASERTA – S.MARIA C.V.: L’AZIENDA RENZIANA DHI S.P.A. IN PREDA AL PANICO MANDA LA MARCHIONNA DEI RIFIUTI SUL CANTIERE IN COMPAGNIA DEL FACTOTUM E DEL SINDACATO FIRMAIOLO

FOTO3

COMUNICATO STAMPA S. MARIA C.V.

 

 LA MERCHIONNA DEI RIFIUTI, IL SINDACATO FIRMAIOLO ED IL FACTOTUM TUTTI INSIEME “APPASSIUNATAMENT”

 

 La DHI S.P.A. stamane in perfetto stile “RENZIANO” ha inviato i “Re Magi” sul cantiere r.s.u. di S. Maria C.V. probabilmente con l’intento di contrastare il sit-in organizzato dalla FLAICA CUB.

Abbiamo riscontrato una grande partecipazione dei dipendenti, interessati all’attività sindacale in atto per rivendicare il diritto alla democrazia sindacale nell’azienda prima di tutto e ad altri importanti diritti che l’azienda cerca di annullare con la complicità di qualche improvvisato sindacalista.

FOTO

Infatti i lavoratori ci hanno riferito che la “Marchionna dei rifiuti” si sia presentata al cantiere chiedendo con un sottile atteggiamento minaccioso chi fossero gli iscritti al nostro sindacato minacciando contestazioni a chi si sarebbe avvicinato ai nostri referenti che volantinavano fuori ai cancelli del cantiere, mentre il sindacato firmaiolo si presentava, probabilmente autorizzato al +91° dall’azienda, forse per sedare gli animi accesi dei dipendenti a causa dell’ennesime trattenute illegittime praticate dall’azienda nei cedolini paga del mese di giugno, il factotum invece veniva utilizzato come guardia del corpo, non è chiaro se della Marchionna o del sindacatuccio.

FOTO1

Dell’episodio sono stati tempestivamente avvisati gli ispettori della Digos di Caserta, invitati a presidiare il sit-in di stamane, ai quali è stato riportato fedelmente quanto accaduto e le presenze “sospette” apparse sul cantiere stamane.

FOTO2

L’unica vera cosa che è stata riscontrata è il completo abbandono in cui versano i dipendenti del cantiere r.s.u. di S. Maria C.V., i veri penalizzati, ai quali ancora una volta è stata negata la democrazia sindacale, in perfetto stile “RENZIANO”

Siamo decisi ad andare avanti con la lotta più determinati di prima, infatti la prossima azione sarà quella di organizzare un corteo per le vie di S. Maria C.V. prima di recarci presso la sede dell’azienda “RENZIANA”

 

FOTO3

DI SEGUITO IL VOLANTINO

VOLANTINO s.maria c.v.

 

F.L.A.I.C.A. UNITI C.U.B. CASERTA

FLAICA CUB CASERTA – S.MARIA C.V.: DOMANI PRIMO SIT-IN DI PROTESTA PER DENUNCIARE IL COMPORTAMENTO ANTISINDACALE PRATICATO DELLA D.H.I.

n19

COMUNICATO STAMPA S. MARICA CAPUA VETERE

DOMANI DALLE ORE 10:00 ORGANIZZATO UN SIT-IN DI PROTESTA CONTRO L’ATTIVITA’ ANTISINDACALE PRATICATA DALLA SOCIETA’ DHI S.P.A.

Il perdurare delle precarie condizioni di lavoro in cui sono costretti ad operare i dipendenti del cantiere r.s.u. di S. Maria C.V. e le palesi violazioni delle normative dettate dal D.lgs. 81/08 e ss.mm.ii., rivendicate da mesi dalla FLAICA CUB CASERTA, sono state denunciate alle autorità territoriali N.I.L. (NUCLEO CARABINIERI ISPETTORATO DEL LAVORO) ed al N.O.E. (NUCLEO OPERATIVO ECOLOGICO DEI CARABINIERI).

Il reato ipotizzato, DISASTRO AMBIENTALE, al centro delle nostre denunce contro la DHI S.P.A., oltre alla mancanza di un idoneo luogo di lavoro.
Per questo nei prossimi giorni sarà richiesto anche l’intervento dell’ASL poiché gli operai denunciano la mancanza di acqua potabile, spogliatoi, docce e tutti i servizi igienici necessari per la pulizia della persona.

In seguito sarà depositata la richiesta di intervento, ai sensi del D.lgs. 124/04, alla I.T.L. (ISPETTORATO TERRITORIALE DEL LAVORO) di Caserta, visto che la D.H.I. S.P.A. continua a trattenere illegittimamente somme dalle buste paga dei lavoratori.

Va precisato che, nonostante avessimo richiesto nei mesi scorsi incontri per affrontare una seria discussione sulle numerose e reiterate incongruenze presenti nei cedolini paga a causa del mancato riconoscimento di istituti contrattuali previsti, l’azienda ha preferito, come suo solito, invitare al tavolo tutti i sindacati tranne la FLAICA CUB, addirittura sindacati che rappresentano appena il 0,1% degli operai altri invece che da oltre 5 anni non hanno saputo impostare nessuna trattative utile per i lavoratori, come il pagamento della maggiorazione per lavoro notturno ancora ferma inspiegabilmente al 20% invece del 33%

Un allarme ancor più riguarda la segnalazione ricevuta da alcuni dipendenti i quali sarebbero stati avvicinati da factotum dell’azienda ed invitati a cambiare sindacato, affermando che la D.H.I. S.P.A. non riceverà mai la FLAICA CUB.

Factotum che abbiamo prontamente segnalato alle autorità preposte e che nell’immediato futuro saranno denunciati dopo che i nostri legali analizzeranno le prove in nostro possesso, prodotte dai dipendenti dei cantieri in cui opera la D.H.I. S.P.A.

Inoltre risulta che la DHI S.P.A. stia provvedendo ad inventarsi nuove figure professionali, magari per premiare (il dubbio è più che legittimo), pseudo sindacalisti compiacenti o personaggi a loro vicini, invece di valutare possibili soluzioni che rispettino le condizioni di quei dipendenti ai quali il medico competente ha riscontrato limitazioni.

La nostra domanda pone un interrogativo ben chiaro:
Questa azienda quando inizierà a rispettare i propri dipendenti? Quando capirà che siamo in un paese democratico e che i lavoratori sono liberi di iscriversi al sindacato che meglio li rappresenta?

Se questo è il metodo…. Per ricevere miglioramenti economici, nonostante la grave crisi aziendale; Se questo sistema scarta il principio dell’uguaglianza e della meritocrazia, NOI ci opponiamo decisamente!

No al predicare bene e razzolare male.

Teverola 18.07.17

F.L.A.I.C.A. UNITI C.U.B. CASERTA

FLAICA CUB CASERTA – S. MARIA C.V.: LA SOCIETA’ DHI S.P.A. DENUNCIATA AL N.I.L. (NUCLEO CARABINIERI ISPETTORATO DEL LAVORO) PER LA GRAVE CARENZA DEL PARCO AUTOMEZZI.

dhi

COMUNICATO STAMPA

In data odierna è stata presentata una’apposita denuncia al N.I.L. (Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro) di Caserta, a causa della grave carenza di automezzi forniti in dotazione agli operatori ecologici del cantiere per i Servizi Ambientali del Comune di S. Maria C.V. i quali risultano inadeguati e dall’evidente immatricolazione pluriennale, di conseguenza risultano inconciliabili con gli obblighi normativi dettati dal D.lgs. 81/08 e ss.mm.ii.,

Inoltre è stata precisata la precaria condizione in cui sono costretti ad operare gli addetti allo spazzamento, i quali sono costretti a svolgere le attività senza automezzi obbligati ad utilizzare le proprie autovetture per recarsi sulle zone a loro assegnate.

Nonostante la tematica sia stata segnalata e sollecitata a più riprese senza ricevere alcun riscontro dalla DHI S.P.A., la stessa continua, attraverso i suoi referenti, ad utilizzare un atteggiamento antisindacale allo scopo di scoraggiare i dipendenti che hanno deciso di associarsi alla nostra O.S.

Ma come sempre con estrema decisione siamo attenti alle difficoltà incontrate dagli operatori ecologici, causate dall’inosservanza delle aziende alle normative sulla sicurezza ed alla salute nei luoghi di lavoro, per cui, considerata ormai intollerabile tale situazione, abbiamo ritenuto necessario  intervenire in modo deciso e forte.

FLAICA UNITI CUB CASERTA

FLAICA CUB TELESE TERME: POSITIVO INCONTRO CON LA SOCIETA’ LAVORGNA

placeholder_news_lavorgna_verde

COMUNICATO STAMPA

TELESE TERME

Consideriamo positivo l’esito della riunione tenuta venerdì scorso presso la sede della società Lavorgna S.r.l.
Infatti, dopo circa due ore di confronto, l’azienda ha ritenuto di analizzare seriamente le rivendicazioni rappresentate dai dipendenti del cantiere r.s.u. del Comune di Telese Terme.
Sarà, quindi, esaminata la proposta di distribuire le 38 ore settimanali in sei giorni lavorativi, fermo restando il nostro disappunto per un aumento di ore di lavoro a parità di salario.
Inoltre, in merito alla quota di € 69,00 da versare al Fondo Fasda, del quale nessun dipendente era conoscenza del funzionamento dello stesso, per cui abbiamo proposto di valutare una diversa distribuzione che sia finalizzata a favorire il reddito dei lavoratori.
Infine è stata resa in esame la richiesta di adeguamento degli aumenti parametrali di tipo A per gli operatori inquadrati a parametro B i quali hanno raggiunto o superato il periodo di 5 anni, e di conseguenza il riconoscimento dell’esatto importo riferito agli scatti di anzianità.
Con una buona dose di ottimismo auspichiamo in un percorso condiviso con l’azienda Lavorgna s.r.l., poiché riteniamo che sia rappresentata da persone competenti ed equilibrate che con atteggiamento costruttivo hanno contribuito al buon esito dell’incontro.

FLAICA CUB BENEVENTO: CONTINUA IL BRACCIO DI FERRO CON L’ASIA ” RITIRATA PATENTE AD UN DIPENDENTE”

logon

COMUNICATO STAMPA BENEVENTO

 

In attesa dell’intervento ispettivo richiesto all’Ispettorato del Lavoro di Benevento, si continuano a registrare disagi per i dipendenti dell’Asia di Benevento.

Infatti ci è stato riferito che una parte di lavoratori (Interinali) sono sprovvisti di D.P.I. (Dispositivi di Protezione Individuali) e di conseguenza del servizio lavanderia, un episodio grave che la FLAICA CUB è disposta a difendere rivendicando il diritto di uguaglianza oltre ad essere l’ennesima violazione delle normative disciplinate dal D.lgs. 81/08.

Purtroppo, nonostante le nostre segnalazioni, ignorate dall’azienda, relativamente alla carenza del parco automezzi, vecchio e inadeguato, hanno causato nei giorni scorsi il ritiro della patente ad un autista dalla polizia stradale, la quale riscontrava una serie di anomalie all’automezzo fornito in dotazione dello sfortunato lavoratore, per il quale la FLAICA CUB esprime solidarietà ed un adeguato sostegno in caso di necessità.

Inoltre stiamo verificando le informazioni ricevute circa la scelta di affidare ad officine esterne la riparazione degli automezzi, una disposizione che se venisse confermata configurerebbe una duplicazione dei costi, ovviamente a carico dei cittadini beneventani già vessati da una tassa sui rifiuti tra le più alte in Italia.

L’insediamento del nuovo Amministratore Unico non ha sortito gli effetti da noi sperato, al momento risulta inconcludente l’operato rispetto a tematiche così delicate che la FLAICA CUB Benevento sta sottolineando e rappresentando ormai da alcuni mesi.

Per questo pensiamo che l’unica strada da percorrere sia l’organizzazione dei lavoratori attraverso un sindacato non concertativo, non opportunista e che abbia a cuore l’interesse della maggioranza dei lavoratori e non quello di piccoli gruppi o di profili professionali specifici, per dare migliori prospettive al futuro dei lavoratori, in un settore particolarmente delicato per la salute pubblica dei cittadini come quello dell’igiene e dello smaltimento dei rifiuti.

FLAICA CUB CASERTA – ORTA DI ATELLA: IL CONSORZIO CITE PREDICA BENE…….”CONFERMATO LO SCIOPERO DEL 14 LUGLIO”

23

       COMUNICATO STAMPA ORTA DI ATELLA

Sabato scorso si è tenuta l’assemblea presso il cantiere r.s.u. di Orta di Atella, indetta per meglio chiarire le intenzioni della FLAICA CUB in merito a questioni ancora pendenti.

A quanto sembra la maggior parte dei lavoratori si è accontentata degli impegni assunti dall’azienda verbalmente, nonostante la stessa non abbia risposto ufficialmente alle richieste da noi formulate in merito al servizio straordinario effettuato da tutti i lavoratori nella nottata tra il 29 ed il 30 luglio scorso.

Per quanto ci riguarda abbiamo seri dubbi che l’azienda possa onorare gli impegni assunti, per ora solo verbalmente, infatti in data odierna abbiamo ricevuto la convocazione per le audizioni alle contestazioni notificate dall’azienda di recente, per cui, resta vigente lo stato di agitazione e confermato lo sciopero proclamato per il prossimo 14 luglio.

Riteniamo che sia giusto retribuire ai lavoratori ogni ora di attività svolta, soprattutto quando si tratta di servizi straordinari per i quali è necessario prolungare il normale orario di lavoro sottraendo del tempo alla vita privata.

Cogliamo l’occasione anche per esprimere le nostre congratulazioni agli operatori ecologici di Orta di Atella che, con senso del dovere e rispetto per il territorio, hanno saputo riportare alla normalità una situazione che sembrava compromessa, sotto il profilo igienico sanitario.

A tal proposito siamo intenzionati a rispettare il lavoro svolto e pertanto vigileremo affinché venga riconosciuto loro quanto dovuto senza barattare nulla.

Abbiamo una nostra piattaforma, composta da proposte coraggiose, che sottoporremo sia al Comune che all’azienda, per il raggiungimento definitivo di una maggiore puntualità nel pagamento delle retribuzioni, solo in questo modo riconsegneremo la massima serenità ai lavoratori.

                          F.L.A.I.C.A. UNITI C.U.B. CASERTA