Author Archives: cubcampania

FLAICA CUB BENEVENTO – CERRETO SANNITA: LA LOTTA E’ SOLO ALL’INIZIO – PRESENTATA UNA PRIMA SEGNALAZIONE AL R.U.P.

1086_image

COMUNICATO STAMPA CERRETO SANNITA

 

DOPO LO CONDANNA DEL COMPORTAMENTO ASSUNTO IMPROPRIAMENTE DALLA ECOJUNK SEGUONO LE PRIME SEGNALAZIONI PRIMA DELLE DOVUTE DENUNCE.

L’improvvisato referente della Ecojunk, che ieri ha costretto i dipendenti di Cerreto Sannita a firmare contratti difformi da quanto previsto dalla normativa vigente, tentando di monopolizzare i lavoratori screditando pubblicamente l’operato del nostro Segretario Provinciale Guarino Giovanni, sarà senza dubbio querelato per diffamazione.

Le frasi infamanti espresse dal soggetto, presentatosi come riferimento per l’azienda Ecojunk, sono state pronunciate davanti ai lavoratori sono state udite anche da un Assessore Comunale di Cerreto Sannita, presente all’appuntamento organizzato per l’apposto dall’individuo, del quale si sta cercando di capire bene quale ruoli occupi all’interno dell’azienda e quali poteri possa esercitare.

Tuttavia, dopo aver esaminato il documento rilasciato ai lavoratori, abbiamo immediatamente notificato una segnalazione al Comune ed al Responsabile Unico del Procedimento di gara, al quale abbiamo rappresentato l’episodio e le relative osservazioni.

Adesso attendiamo, con la dovuta calma, la risposta che auspichiamo sarà in grado di tracciare meglio eventuali inosservanze al C.S.A., al CCNL e al D.lgs. n.50 del 2016, ovvero il Nuovo Codice sugli Appalti Pubblici, ci auguriamo che il R.U.P. prenda subito in esame le nostre richieste e che quanto prima intervenga in questa spiacevole avventura sopraggiunta ai lavoratori di Cerreto Sannita.

Siamo pronti ad organizzare una manifestazione di protesta, abbiamo in mente di preparare una grande mobilitazione alla quale parteciperanno tutti i lavoratori della Provincia di Benevento a difesa degli operatori ecologici di Cerreto Sannita contro chi, spudoratamente, sta calpestando i loro diritti.

PER NOI IL RISPETTO DELLA LEGGE È UNO STILE DI VITA

INNEGOZIABILE !!!

FLAICA CUB CASERTA – CANCELLO ED ARNONE: PAGATI GLI STIPENDI DI SETTEMBRE – REVOCATO LO STATO DI AGITAZIONE

IMG-20171028-WA0037

COMUNICATO STAMPA CANCELLO ED ARNONE

FINALMENTE PAGATI GLI STIPENDI DI SETTEMBRE

La notizia è giunta stamane, gli operatori ecologici del cantiere di igiene ambientale di Cancello ed Arnone hanno trovato sul proprio conto il versamento relativo allo stipendio del mese di settembre.

20171028_105700
Abbiamo provveduto a revocare lo stato di agitazione, avvisando immediatamente Prefettura e Comune.
Per cui nelle prossime ore dovrebbe tornare alla normalità il servizio di raccolta, che nei giorni scorsi aveva subito qualche rallentamento.

20171028_105631
Auspichiamo la continuità del servizio con l’azienda Euro Servizi Group s.r.l., poiché, riteniamo che la stessa, con enormi difficoltà incontrate fino a questo momento, abbia sempre trovato le risorse economiche per far fronte ai pagamenti delle retribuzioni ai lavoratori.

22780545_1726922924007485_3437518274014659243_n
Resta da risolvere l’annoso problema riguardo a qualche automezzo non del tutto efficiente per il servizio di raccolta da effettuare a cancello ed Arnone, attendiamo la pubblicazione della gara che a breve sarà esposta sul sito della S.U.A. per formulare eventuali osservazioni.

20171028_110320

Distinti saluti.

F.L.A.I.C.A. UNITI C.U.B. CASERTA

FLAICA CUB BENEVENTO – CERRETO SANNITA: SCANDALOSO CON UN BLITZ LA ECOJUNK S.R.L. OBBLIGA I DIPENDENTI A FIRMARE UN CONTRATTO PEGGIORATIVO – SCATTA LA DENUNCIA

N15-860x280

COMUNICATO STAMPA 

 

HA INIZIATO COL PIEDE SBAGLIATO LA ECOJUNK – SCANDALOSO

Eravamo abituati a vedere cose strane ma come quella accaduta stasera agli operatori ecologici di Cerreto Sannita ha dell’incredibile.

La Ecojunk subentra alla Eco Recuperi Cioffi attraverso l’aggiudicazione della gara triennale.

L’azienda di norma avrebbe dovuto convocare le OO.SS. e avviare le procedure previste per il trasferimento dei 5 dipendenti storici.

Tant’è che nella giornata di ieri avevamo invitato e diffidato l’azienda Ecojunk a convocare prima possibile un tavolo tecnico per adempiere all’art.6 del CCNL, obbligo fissato anche dall’art. 20 del Capitolato Speciale di Appalto.

Invece verso le 15:30 un referente dell’azienda ha contattato gli operatori ecologici convocando gli stessi presso l’isola ecologica ai quali ha obbligato loro a firmare un contratto part-time e per giunta a tempo determinato, pena la mancata assunzione.

Un palese atto di prepotenza contro tutti i principi sanciti dalla legge che regolamenta le assunzioni.

Un’azione coercitiva che sarà sicuramente oggetto di una diffida/querela ai danni del referente aziendale, oltre alle denunce che seguiranno per il danno economico arrecato ai dipendenti.

Nei prossimi giorni chiameremo in causa il Responsabile del Procedimento di gara, il quale è tenuto a vigilare sul rispetto di quanto stabilito dal C.S.A., riservandoci di inviare un’apposita segnalazione anche all’ANAC nel caso in cui non dovessimo ricevere i necessari chiarimenti in merito.

Non siamo più disposti a tollerare simili porcherie che hanno già danneggiato in passato operatori ecologici come quelli di Limatola, è giunto il momento di chiedere con forza il rispetto delle regole, le istituzioni a Benevento devono intervenire contro lo sciacallaggio di certe aziende.

Con determinazione siamo e resteremo al fianco degli operatori ecologici di Cerreto Sannita che nei prossimi mesi saranno chiamati ad affrontare una dura lotta per rivendicare un diritto acquisito ed innegoziabile.

Mai come oggi l’imperativo è RISPETTO!

                 F.L.A.I.C.A. UNITI C.U.B. BENEVENTO

SOTTOSCRITTO UN FORTE PATTO FEDERATIVO TRA LA CUB E IL SOA

CUB

sedelogo

SOTTOSCRITTO UN FORTE PATTO FEDERATIVO TRA LA CUB E IL SOA

(Sindacato Operaio Autorganizzato)

 

Oggi, 21 ottobre 2017, è stato sottoscritto un Patto Federativo tra Confederazione Unitaria di Base, e il SOA, ed inaugurata la sede sul territorio del basso Molise a Termoli – Portocannone, via Garibaldi 126, dotata dei servizi necessari alla tutela dei diritti dei lavoratori, CAF, Patronato e Ufficio legale.

 

All’evento hanno partecipato Antonio Ferrari seg. Nazionale FLMUniti CUB oltre a rappresentanti della FLMUniti CUB di FCA dei vari stabilimenti,

Termoli, Mirafiori, Cassino, Melfi, Pomigliano.

Non si tratta di un’operazione di corto respiro, tanto per aggiungere un’altra sigla sindacale: siamo di fronte invece ad un gruppo consistente di lavoratori che si propone con determinazione di avviare un processo lungo, e forse anche difficile, per ridare ai lavoratori una rappresentanza sindacale autenticamente democratica e un dignitoso potere contrattuale per la difesa dei propri diritti.

Con la FLMUniti CUB vogliamo ricostruire il sindacato nella più grande fabbrica del SUD, FCA Termoli, i cui lavoratori hanno vissuto troppi e lunghi anni d’arretramento delle condizioni, in termini di ritmi, sicurezza, di salario e di diritti. Una coraggiosa e appassionante sfida, di chi non sopportava più la situazione di passività e rassegnazione in questa fabbrica.

I lavoratori, sono stati abbandonati a loro stessi, senza possibilità di trovare risposte sindacali forti ai loro problemi e di respingere l’arroganza e le prepotenze dei capi e capetti.

Erano presenti anche lavoratori del pubblico impiego e altre realtà. Si vuole costruire così una presenza sindacale di base, in grado di garantire il diritto alla piena partecipazione, alla completa libertà ed autonomia nelle scelte sindacali e nella determinazione degli obiettivi contrattuali e rivendicativi.

Un vero sindacato di classe dei lavoratori!

La scelta del S.O.A. di federarsi con la CUB costituisce per il territorio la possibilità di una grande esperienza, per quanti in questi anni auspicavano che si creassero le condizioni per ricostruire dal basso il sindacato dei lavoratori che non c’è, senza trovare questo o quell’altro dirigente sindacale nazionale, regionale o territoriale che viene ad importi una linea rivendicativa rinunciataria e concertativa.

La scelta della CUB, é la più appropriata e utile per perseguire questo progetto, per trasformare necessità e speranze in realtà, perché si tratta del più grande sindacato di base presente nel nostro Paese, presente in modo diffuso in tutte le categorie di lavoratori, con la cultura dell’unità degli obiettivi rivendicativi che fa del conflitto uno strumento fondamentale.

L’esito positivo della sfida di ricostruire un autentico, democratico e utile sindacato in fabbrica, nei luoghi di lavoro e sul territorio, dipende oltre che dalla determinazione del primo nucleo fondatore che c’è, anche e soprattutto dal livello d’adesione al progetto e dal livello quantitativo e qualitativo della partecipazione dei lavoratori, garantendo che non ci sarà mai nessuna differenza tra chi è arrivato prima e chi dopo, perché le idee e le prerogative della Cub sono quelle di tutelare i lavoratori senza nessuna differenza.

21 ottobre 2017

SOA e CUB in Molise

« Older Entries