CUB CAMPANIACUB NapoliFLAICA Uniti CUB

Telecom Italia – Napoli: Attivazione stato di agitazione; attivazione procedura di raffreddamento – Appalto Multiservizi e Facchinaggio.

La scrivente O.S. in riferimento ai dipendenti nostri iscritti impegnati nell’appalto pulizie Telecom Italia S.p.A di Napoli e Provincia, si evince che dal 02/07/2020 giorno della sottoscrizione del verbale d’incontro di cui
alleghiamo alla presente nota, dove le ATI Team Service/ Snam Lazio Sud in cui dichiaravano di impegnarsi a verificare e confrontare mensilmente con le OO.SS. l’andamento dell’appalto vista l’applicazione dal 02/07/2020
della cassa integrazione, ed eventuale personale pensionabile per superamento di età, dopo 4 mesi le ATI non solo hanno inviato quasi l’ottanta % del personale in cassa integrazione Covid-19, a di cui le maestranze in data odierna ancora devono ricevere le spettanze dovute da parte dell’istituto Inps, mettendo in crisi dal mese di Luglio interi nuclei familiari, visto che le ATI non hanno rispettato la rotazione, discriminando e scegliendo chi deve morire di fame e chi deve vivere, nonostante questa O.S. abbia inviato diverse note alla ATI ma rimaste inevase, a riguardo la cassa integrazione di Luglio c.a. i lavoratori devono ancora percepirla, solo la Snam Lazio Sud ci ha risposto con una nota di avvenuta consegna della documentazione ed accettazione da parte dell’istituto Inps, a riguardo del cambio di appalto l’ATI ha rilevato i servizi di pulizia e facchinaggio, il facchinaggio l’ATI si avvale di un’azienda esterna di traslochi usando del personale esterno alle maestranze assorbite il 02/07/2020,
violando il capitolato di appalto, a cui potrebbero dare lavoro a tanti lavoratori visto che parliamo di un organico di 103 persone, abbassando ulteriormente la percentuale della cassa integrazione, la scrivente O.S. da elenco dei lavoratori ha individuato 4 lavoratori in età pensionabile di cui un Capo Servizio che gestisce il personale di anni 68, vista la grave crisi che l’ATI dichiara ma mai dimostrata a questa O.S. si potrebbe procedere a pensionamenti e snellire l’organico delle maestranze, le visite mediche al personale non sono state effettuate, il modus operandi di questa ATI sta creando disagio economico e psicologico e malumori tra le maestranze già duramente colpite dall’evento storico che ha colpito il nostro paese, non rispettando nulla di tutto quello che le ATI hanno sottoscritto,

PQM

in condivisione con le nostre rsa si comunica l’attivazione dello stato di agitazione di tutto il personale interessato, unitamente all’attivazione della Procedura di Raffreddamento, prevista dall’ art. 2 comma 2 legge 146/90 e ss.mm.ii.;.


In Attesa di un celere riscontro
Con la presente si inviano
Distinti Saluti

La Segretaria Regionale

Antonella Acanfonra